Associazione Nazionale Carabinieri

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

La Sezione ANC Bergamo

E-mail Stampa PDF

 

Associazioni Nazionale Carabinieri Sezione di Bergamo

La nostra Sezione è intitolata alla Medaglia d'Argento al Valor Militare Brigadiere Giovanni Bressan e alla Medaglia d'Argento al Valor Militare Appuntato Giuseppe Gurrieri.

 

Brigadiere Giovanni Bressan Medaglia d'Argento al Valor Militare

Era l' 8 agosto del 1956 quando Giovanni Bressan Carabiniere di Fraveggio, era da un anno Comandante della locale Stazione di Ponte Nossa (Bg) in Val Seriana, a seguito di un furto in una abitazione intervenne inseguendo i ladri, l'inseguimento fu movimentato in quanto durò tutto il pomeriggio. I malviventi, un uomo ed una donna, minacciarono più volte i passanti che cercarono di fermarli, passate le 19.00 il Brigadiere Bassan con il Carabiniere Promutico raggiunsero i due malviventi, il Carabiniere catturò la donna arrestandola, Il Brigadiere si avvicinò ad un cespuglio nel quale si era nascosto il malvivente, senza impugnare la pistola d'ordinanza con l'intento evidente di convincere il ladro ad arrendersi alla cattura, fu però in quel momento che il Carri, questo era il nome del malvivente, gli sparò tre colpi di pistola e con il quarto pose fine alla vita del Brigadiere Giovanni Bressan. Il 5 febbraio del 1957, il Comando Generale conferì al Brigadiere Giovanni Bressan la Medaglia d'Argento al Valor MIlitare.

 

 

Appuntato Giuseppe Gurrieri Medaglia d'Argento al Valor Militare Monghidoro (Bo), 15 febbraio 1929  - Bergamo, 13 marzo 1979

L'Appuntato dei Carabinieri Giuseppe Gurrieri si trovava nello studio del dott. Pier Sandro Gualteroni, medico delle carceri di Bergamo, quando due malviventi armati di pistola appartenenti al gruppo di estrema sinistra "guerriglia proletaria", irruppero nello studio con l'intenzione di rapire il medico. Prontamente l'Appuntato Giuseppe Gurrieri intervenne buttandosi su uno dei terroristi che reagì sparando e colpendo a morte l'Appuntato davanti agli occhi del figlio Mauro allora tredicenne. In seguito a questo atto di eroismo, fu insignito della Medaglia d'Argento al Valor Militare.

 

  •  

     

     

    Accesso utente